Paolo festeggia in giugno, Anna in luglio, mentre Lorenzo e Chiara in agosto. Festeggiano l’onomastico! È il giorno in cui la Chiesa celebra il santo di cui portano il nome, che in genere corrisponde con la data della morte, ovvero della “nascita al cielo”, di queste donne e questi uomini che si sono particolarmente distinti non per aver vissuto senza peccati, ma per le loro grandi virtù.

Le vicende di una cinquantina di loro sono agilmente descritte nel volume EDB junior  di Anna Maria Gellini, I santi amici veri.

I bambini delle scuole elementari e delle medie potranno scoprire notizie sulla vita del proprio santo, nonché di quelli di molti amichetti e compagni di scuola. A ognuno è affiancato anche un episodio speciale che riguarda il santo stesso o la tradizione che lo accompagna.

Così, ad esempio, apprendiamo che per la festa di san Martino di Tours (11 novembre) – il santo che, quando ancora era soldato, divise in due con la spada il mantello per darne la metà al povero – nel nord Europa sono usi mangiare l’oca. Una leggenda racconta infatti che, non volendo diventare vescovo, Martino si nascose in una stalla piena di oche e furono queste, con il loro schiamazzo, a rivelare la sua presenza.

Santa Chiara nacque e visse ad Assisi, come san Francesco, di cui divenne amica, fino a seguirne le orme. Aveva 12 anni quando Francesco decise di spogliarsi di tutte le vesti per restituirle al padre Bernardone e scegliere una vita povera. Sette anni dopo scappò di casa per seguire lo stesso ideale di povertà. Di lei si narra che fece fuggire i saraceni, che stavano alle porte di Assisi, esponendo alla finestra l’ostensorio con il Santissimo Sacramento: un fascio di luce accecante spaventò gli assalitori, facendoli fuggire. Chiara è festeggiata l’11 agosto.

Animali, piante, oggetti raccontano episodi del Vangelo

E se non fossero solo gli umani a raccontare i fatti? Anche le cose, gli animali e le piante erano lì, quando accaddero gli eventi del Vangelo. Anche loro hanno una testimonianza da offrire! La finestra della stanza di Maria non aveva mai visto un angelo “in presenza” rivolgersi a una ragazza. L’olivo aveva trascorso la vita accanto alla stalla e proprio non si aspettava che arrivasse una coppia di viandanti, di cui la donna stava per dare alla luce un bambino. Ma non è finita. Su quel bambino scesero gli angeli cantando «Gloria a Dio nel più alto dei cieli»: l’olivo era stato testimone di un evento davvero straordinario. E cos’ha da dire la stella che ha guidato i Magi dall’Oriente?

«La raccolta di questi racconti – dice Chiara Pellicci, autrice del libro EDB junior C’ero anch’io! Animali, piante, oggetti raccontano episodi del Vangelo dal loro punto di vista è dedicata ai più piccoli, per avvicinarli al gusto della lettura del Vangelo e scoprirne la bellezza. Ma, per la loro fedeltà al testo biblico, possono essere utilizzati anche nei vari momenti dell'educazione alla fede».

Le storie più belle della Bibbia

Per i più piccoli, Le storie più belle della Bibbia, un libro EDB junior di Marton Thomas, illustrato magicamente da Daniele Fabbri, che narra con brevi testi gli episodi più famosi della Sacra Scrittura –Antico e Nuovo Testamento – per introdurre i bambini alle vicende della storia della salvezza.