Il vangelo più antico

Secondo i biblisti, il Vangelo di Marco è il più antico dei quattro vangeli: è stato usato come fonte per gli altri due vangeli sinottici, Luca e Matteo. Scritto in greco nella seconda metà del I secolo d.C., il vangelo di Marco è presumibilmente indirizzato a una comunità di gentili, ovvero di non ebrei. Nei 16 capitoli che compongono il secondo vangelo, l’evangelista racconta la missione del Figlio di Dio, a partire dal battesimo di Gesù per mano di Giovanni Battista sul fiume Giordano, fino alla risurrezione e alle apparizioni di Cristo ai discepoli.

Proposte EDB per conoscere il Vangelo di Marco

EDB (Edizioni Dehoniane Bologna) ha raccolto in volume le predicazioni del gesuita Silvano Fausti, che accompagnano lungo tutto Il Vangelo di Marco. Il suo linguaggio concreto mostra l’attualità del vangelo al lettore di oggi.

Sostiene il biblista Benoît Standaert che nelle prime comunità cristiane il vangelo di Marco veniva letto interamente la notte di Pasqua ai catecumeni che ricevevano il battesimo. Frutto di quindici anni di lavoro, il suo Commentario si intitola Marco: Vangelo di una notte vangelo per la vita.

È dedicato al vangelo di Marco il volume 14 della serie Temi biblici, la collana delle Edizioni Dehoniane Bologna che traduce in italiano i prestigiosi Cahiers Évangile, i «quaderni» francesi noti a livello internazionale per lo studio della Bibbia e la pastorale. Nel libro, l’esegeta Camille Focant svela cinque chiavi di lettura del testo marciano secondo un’analisi narrativa.

Propone un itinerario per una lettura continua del vangelo di Marco il gesuita Pino Stancari nel volume La novità di Dio. Lettura spirituale del Vangelo secondo Marco. Il libro trascrive e raccoglie gli interventi svolti oralmente dall’autore durante le sue predicazioni.

Nel libro Gli sguardi di Gesù don Sergio Stevan, parroco e formatore nella diocesi di Milano, propone una Lectio divina sul Vangelo di Marco. L’autore passa in rassegna i modi di guardare di Gesù nelle pagine evangeliche, emblema dello sguardo di Cristo per ciascuno di noi e per la comunità cristiana.

Omelie sul Vangelo di Marco per l’anno B

Il vangelo di Marco è indicato dalla Chiesa per il ciclo liturgico domenicale dell’anno B, cioè quello attualmente in corso. Per accompagnare a leggere il vangelo del giorno, EDB propone i commenti di vescovi e parroci, teologi e monaci. I testi sono rivolti non solo al celebrante, che prepara l’omelia per la messa, ma anche ai religiosi, per la lectio individuale, e a ciascun credente, che desideri meditare la Parola di Dio.

Si concentrano sull’umanità di Gesù i Commenti ai vangeli domenicali di don Battista Borsato, teologo della diocesi di Vicenza, che costituiscono Il coraggio di vivere. Adatti anche alla lettura personale e alla meditazione, sono pensati in particolare per rispondere agli interrogativi dei giovani e delle famiglie.

In Educati alla fiducia Luigi Gioia ha raccolto le sue Omelie sui vangeli domenicali. Anno B. Monaco benedettino e teologo, i suoi commenti al vangelo di Marco ci invitano ad affidarci alla “buona notizia”.

Secondo monsignor Erio Castellucci la fede è il nutrimento della gioia vera. «In ogni cosa rendete grazie» è il titolo del suo Commento ai Vangeli festivi. Anno B. Le riflessioni dell’autore meditano sull’amore di Dio.

Compongono il libro Stupiti dal Mistero i commenti ai vangeli delle domeniche e delle feste per l’anno B del vescovo di Rimini. Monsignor Francesco Lambiasi sottolinea la dimensione interiore del mistero, attraverso la Parola di Dio da meditare per essere capaci di stupore davanti alla rivelazione di Cristo.

Dedicato in particolare ai presbiteri è il libro di don Rosario Giuè La perla e il campo. Omelie per un tempo nuovo.