Pietre vive: col settimo volume termina l’itinerario di iniziazione cristiana della Diocesi di Treviso

Esce Pietre vive, settima e ultima tappa del progetto di catechismo Sicar, nato per la Diocesi di Treviso, ma offerto anche a tutte le altre Chiese italiane. L'itinerario è costituito da 7 sussidi e accompagna nel catechismo i fanciulli dai 6 ai 14 anni, fin dopo il sacramento della Cresima.

Il progetto Sicar recepisce l’invito dei vescovi a rinnovare le forme usuali del catechismo. La scelta compiuta dai curatori non è quella di cambiare l’ordine dei sacramenti, ma di celebrarli in un arco temporale che consenta meglio di coglierne l’unitarietà. Un catechismo che coinvolge anche i genitori e la comunità, ovvero i contesti principali che fanno parte della vita dei bambini e dei ragazzi.

Il titolo del progetto, Sicar, ne è anche la cifra di lettura profonda: il luogo dell’incontro fra Gesù e la Samaritana (che ricorre nel Vangelo di Giovanni) è un incontro generativo, capace di aprire nuovi percorsi di fede nella donna, ma anche nella folla che ascolta il suo racconto. Percorso per un catechismo che diventa un annuncio efficace del vangelo.

Un percorso di catechismo basato sulla “regola delle 3 A”

Il progetto attinge allo stile evangelizzatore di Gesù, dal vangelo alla vita e dalla vita al vangelo, e lo traduce in una metodologia del catechismo denominata delle “3 A”: Affascinare, Approfondire, Assimilare. Sono i tre passaggi da proporre a ogni incontro di catechismo.

Affascinare: occorre innanzitutto “approdare alla terra” del proprio interlocutore, per rivolgersi davvero alla sua vita.

Approfondire: in seguito, è utile immergersi nella profondità che custodisce l’avventura della fede.

Assimilare: infine, riuscire a rendere quello che si è scoperto un nutrimento, qualcosa che diventa parte di noi e ci rende “uniti”a Gesù.

Coinvolgere tutta la comunità

Il progetto Sicar si basa sull’idea che, oltre ai ragazzi, è fondamentale che anche i genitori e la comunità siano coinvolti in tutto il cammino del catechismo. Il catechista non lavora in solitaria, ma all’interno di un’équipe che ha il suo punto di riferimento nel consiglio pastorale. I genitori poi sono esplicitamente coinvolti: gli itinerari propongono incontri per e con i genitori strutturati sullo stile del laboratorio. Si tiene ovviamente conto di ciò che ogni famiglia può dare: ma il catechismo non dovrà essere avulso dalla vita del bambino e del ragazzo.

Sette fascicoli per seguire tutto il percorso del catechismo

Il progetto Sicar inizia con Sulle strade di Gesù, pensato per bambini di 6-7 anni e le loro famiglie come un primo incontro con la Parola, scandito dal Vangelo di Marco. Rinati a vita nuova è per bambini di 8 anni, e accosta al sacramento della Riconciliazione (in una prospettiva di riscoperta del Battesimo). Beati gli invitati - catechismo per bambini di 9-10 anni - prepara alla celebrazione della Comunione attraverso 4 tappe celebrative e la conoscenza della Messa. La strada della felicità (10-11 anni) accosta i 10 Comandamenti, mentre Sto costruendo una cattedrale (11-12 anni) si sofferma sulla vicenda storica di Gesù, dedicando anche una parte allo Spirito Santo. Si preparano in questo modo ai ragazzi alla celebrazione della Cresima, fulcro del sesto volume Al soffio dello Spirito (12-13 anni). L’ultima tappa, Pietre vive, conclude il tempo dell’iniziazione cristiana per ragazzi di 13- 14 anni, aiutando il passaggio verso i gruppi giovanili.